Stabilire i limiti

I comportamenti indesiderati e sessualizzati devono essere chiaramente indicati, come anche i limiti. Inutile ribadire che questo deve essere fatto senza sminuire la persona.

Le dichiarazioni di apprezzamento potrebbero essere formulate come segue: „Vuole essere toccato lì, ma non ci riesce“, „Le piacerebbe, ma io non sono competente e non lo faccio“. “Le manca il suo partner?” Una comunicazione riuscita con l‘aiuto della validazione secondo Feil o l‘approccio centrato sulla
persona secondo Kitwood sono adatte a mantenere la dignità e a separare la persona dal suo comportamento. La persona va sempre rispettata, anche se il suo comportamento può essere inappropriato. Per tenere conto dei bisogni sessuali si sono rivelati efficaci ausili come i vibratori ma anche terapie che stimolano i sensi come massaggi curativi, musica e danza.

 

Violazioni di limiti, attacchi e violenze 

Ogni giorno si verificano innumerevoli aggressioni sessuali da parte di residenti in case di cura o di pazienti negli ospedali, ma di solito non vengono menzionate e sono poco documentate. Il personale infermieristico non è sufficientemente formato su come affrontarli e si sente lasciato solo. Solo casi particolarmente gravi di abusi sessuali in case di cura trovano spazio nei media, come dimostra un caso particolarmente drammatico in Germania (Renania settentrionale-Vestfalia). Si dice che un dipendente abbia commesso violenza sessuale contro almeno 14 residenti entro il giugno del 2023.

Per finire

Il bisogno di contatto, tenerezza e sessualità varia notevolmente da persona a persona e non dovrebbe essere svalutato a nessuna età. In questo contesto è richiesto un elevato grado di sensibilità ed empatia, soprattutto quando si ha a che fare con persone con disabilità cognitive. Un approccio positivo ai bisogni sessuali contribuisce in modo significativo alla qualità della vita.

Chi si prende cura dei nostri bisognosi?

L'8 marzo parte il nuovo corso di qualificazione per l’assistenza nei confronti di persone affette da demenza

Una importante ricerca sulla situazione delle badanti a domicilio

L’Istituto di medicina generale ha avviato un’indagine sul carico assistenziale

SOS malati di demenza

A marzo un corso per formare badanti speciaizzate in Alzheimer e dintorni

I nostri sponsor