Effetti della carenza di personale infermieristico in Alto Adige

Il Consiglio Provinciale ha istituito un gruppo di lavoro di esperti per garantire l’assistenza.

© iStock

Anche in Alto Adige il numero di persone bisognose di cure aumenterà del 35% entro il 2035. Allo stesso modo aumenterà anche il numero del personale infermieristico mancante. Durante la pandemia è emerso quali effetti ha avuto e sta avendo sulla cura dei bisognosi l’assenza di personale infermieristico per malattia e a causa delle vaccinazioni obbligatorie e delle relative sospensioni.

Nel frattempo, soprattutto i pensionamenti, la mancanza di posti di formazione, le uscite dal lavoro e la preferenza per l’assistenza in situazioni acute in termini di remunerazione e riconoscimento rispetto alla lungodegenza ospedaliera sono le ragioni principali delle difficoltà permanenti di molte famiglie.

A causa della carenza di personale, i tempi di attesa per l’inquadramento o la rivalutazione dell’assegno di cura sono attualmente superiori ai sei mesi. I necessari pagamenti anticipati per l’aiuto domestico retribuito stanno diventando sempre più difficili o quasi impossibili da gestire a causa dell’inflazione. Il Consiglio Provinciale ha istituito un gruppo di lavoro di esperti per garantire l’assistenza. I costi aggiuntivi per l’assistenza non possono essere coperti dal solo bilancio sociale.

Per limitare la valanga di costi, in futuro l’assegno di cura potrebbe essere aumentato solo a seconda del reddito e introdotta un’assicurazione aggiuntiva per le persone bisognose di cure. L’aumento degli anziani che vivono da soli e la diminuzione dell’assistenza familiare sono ulteriori ragioni per le sfide dei servizi di assistenza in futuro. Perché sta diventando sempre più difficile trovare il personale specializzato e gli assistenti necessari in caso di bisogno di cure.

La concorrenza per infermieri stranieri dovrebbe venire disinnescata da accordi tra Tirolo, Alto Adige e Trentino. È allo studio la cooperazione transnazionale in materia di formazione. Nel 2022, i sindacati del settore dell’assistenza hanno promosso pagamenti una tantum e indennità. Nel Tirolo e in Alto Adige, sta emergendo il desiderio del modello occupazionale per i familiari impegnati nell’assistenza, visto che in questo modo, si spende solo la metà dei fondi rispetto al posto in una struttura (invece di 60.000 euro solo 30.000).

Con questo modello, i familiari hanno un’assicurazione sociale e pensionistica, percepiscono un salario minimo di 1.700 euro e possono accedere alla professione infermieristica dopo la formazione come aiuto domiciliare.

 

MISURE CONTRO LA MANCANZA DI INFERMIERE/I

  • Coinvolgimento di tutti i gruppi professionali nella ricerca di una soluzione
  • Apprezzamento reale attraverso salari migliori nell’assistenza agli anziani e migliori condizioni di   lavoro
  • Modelli di orario di lavoro più flessibili e più adeguati
  • Creare più posti di formazione nelle vicinanze in tutti i ­territori, rimediare subito alla carenza di personale docente
  • Ridurre il tasso di abbandono durante i tirocini formativi e rivalutare gli aggiornamenti
  • Campagna d’immagine per le professioni infermieristiche
  • Premi per la formazione infermieristica per nuovi adepti o persone che vogliono cambiare lavoro
  • Agevolare l’avvio della carriera degli infermieri stranieri, ridurre la burocrazia
  • Riconoscimento più rapido dei titoli di formazione infermieristica da parte del personale infermieristico straniero
  • Educazione infermieristica
  • Sviluppare nuove strutture di supporto e di assistenza
  • Impiego/retribuzione per familiari come nel Burgenland
  • Promuovere la digitalizzazione (smartwatch, applicazioni di ­assistenza digitale, cartelle cliniche elettroniche, robotica e occhiali VR)
  • Modello di previdenza personale per impegno nella società civile: le ore di volontariato con persone bisognose di assistenza vengono accreditate su un conto ore nel caso in cui il volontario stesso abbia bisogno di assistenza

Assemblea dei soci 2024

Sarebbe bello darVi il benvenuto, anche in presenza dei nostri illustri esperti!

Notizie dell’Associazione n. 1/2024

1. Notizie dell’Associazione di quest’anno preziosi consigli sul tema “Non perdere di vista i desideri e le richiesta delle persone affette da demenza”

Chi si prende cura dei nostri bisognosi?

L'8 marzo parte il nuovo corso di qualificazione per l’assistenza nei confronti di persone affette da demenza

I nostri sponsor