Consenso reciproco, volontarietà e disturbi cognitivi

Come per ogni contatto sessuale, anche per le persone con disturbi cognitivi occorre chiarire se tutte le persone coinvolte sono capaci di consenso.

Ciò dipende anche dall‘accettazione e dall‘apertura, nonché dalla valutazione da parte del personale infermieristico. Le regole interne  delle strutture di accoglienza e l‘atteggiamento di familiari e di persone relazionate influenzano il modo in cui viene gestita la sessualità. I deficit cerebrali possono rendere le persone malate indifese. Pertanto, per riconoscere la presunta volontà è necessaria un‘attenta osservazione delle espressioni verbali e del linguaggio del corpo.

 

Cicatrici del passato

I bisogni sessuali non vissuti del passato possono portare a rabbia, gelosia e aggressività verso gli altri nel qui e ora in
età avanzata.

E per alcuni, le esperienze traumatiche represse e le ferite riaffiorano dalla memoria a lungo termine, come l’aborto, lo stupro e l’abuso sessuale. Quanto più progrediscono i disturbi cognitivi, tanto più è probabile che i tabù possano essere infranti e che si perda il controllo, il che significa che desideri e bisogni, così come le paure, vengono liberamente espressi. L’ambiente è messo a dura prova quando le persone con disabilità cognitive si spogliano in pubblico a causa delle loro malattie e praticano la masturbazione in ambienti inappropriati. Anche l‘ingresso in stanze e letti di altre persone, i commenti ambigui, i contatti indesiderati di altre persone e il comportamento sessuale invasivo richiedono una reazione professionale.

 

La perdita di libido in una relazione di coppia può avere molte cause

Per i partner impegnati nell’assistenza alla persona con demenza, il desiderio e la passione spesso passano in secondo piano. La responsabilità per la routine quotidiana, molteplici stress, un rapporto in cui la vicinanza fisica non ha più importanza, malattie personali che causano dolore, ma anche disgusto quando si verificano fenomeni di incontinenza fecale e urinaria possono essere la causa.

Chi si prende cura dei nostri bisognosi?

L'8 marzo parte il nuovo corso di qualificazione per l’assistenza nei confronti di persone affette da demenza

Una importante ricerca sulla situazione delle badanti a domicilio

L’Istituto di medicina generale ha avviato un’indagine sul carico assistenziale

SOS malati di demenza

A marzo un corso per formare badanti speciaizzate in Alzheimer e dintorni

I nostri sponsor