Assistenza alle demenze: necessita un intervento

Oltre 13.000 persone in Alto Adige sono affette da demenza. Dal 2019 si notano sempre più pazienti giovani.

Secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute, oltre 13.000 persone in Alto Adige sono affette da demenza. Secondo Seitz, l’Associazione Alzheimer Alto Adige (ASAA) conta circa 1.200 nuovi casi all’anno. La curva sale inesorabilmente.  Dal 2019 si notano sempre più pazienti giovani. L’ASAA è attualmente in contatto con circa 100 persone di età compresa tra i 49 e i 55 anni, e recentemente anche con circa 20 casi di età inferiore ai 40 anni.

Ulrich Seitz sta combattendo anche su altri fronti. Una questione che gli sta a cuore è il riorientamento del modello di classificazione delle cure in Alto Adige. Questo non è più aggiornato per molte patologie croniche, compresi i casi di demenza. I tempi di attesa per una classificazione sono semplicemente inaccettabili (circa 10 mesi). Seitz vuole convincere i responsabili delle decisioni in Alto Adige che l’autorità competente dovrebbe inviare solo un membro del personale ai richiedenti a causa delle liste d’attesa. Se l’autorità non rispetta la scadenza di 60 giorni, deve pagare immediatamente un importo per settimana o parte di essa direttamente ai richiedenti (a meno che il ritardo non sia causato dall’assicurato perché non rispetta gli appuntamenti, ecc.) Questa è già la prassi all’estero. Se il servizio pubblico segnala di essere sovraccarico, o se la valutazione non è stata effettuata entro 60 giorni, il servizio pubblico deve proporre all’assicurato tre valutatori indipendenti, tra cui sceglierne uno.

In foto: Franco Gaggia di Cedocs, partner di ASAA e il Presidente ASAA Ulrich Seitz

Per chi è in cerca di aiuto, il pacchetto di servizi già consolidato sarà ampliato in queste settimane con servizi di consulenza, con l’obiettivo di coprire il bisogno a livello nazionale. Ai “classici” del volontariato, che riguardano principalmente i gruppi di auto-aiuto in presenza e online, si aggiungeranno i seguenti servizi:

  • Corso di cinestetica – qui i partecipanti imparano a sviluppare la propria competenza di movimento e a usarla per sostenere i loro familiari nella loro competenza di movimento. Questo fa sì che i familiari che assistono prestino un’attenzione più specifica alla propria salute nel loro lavoro e che i familiari bisognosi di assistenza siano in grado di sviluppare una maggiore autoattività, mobilità e indipendenza. Di conseguenza, tutti i soggetti coinvolti beneficiano in egual misura di una migliore qualità di vita.
  • Corso di validazione – Aiuto, mia madre, mio padre, il mio partner ha la demenza, come devo comportarmi, cosa posso fare? Si tratta di istruzioni per i familiari e le persone interessate che si occupano di persone affette da demenza!
  • Serie di 15 presentazioni di esperti riconosciuti online dal 23.11.2022 al 17.12.2022 (principalmente il lunedì, il mercoledì e il sabato pomeriggio/sera) di varie aree specialistiche per i familiari che cercano soluzioni a problemi clinici, assistenziali e di diritto patrimoniale nel caregiving quotidiano. L’obiettivo principale è quello di rafforzare le famiglie, soprattutto per i mesi invernali e le festività, poiché in questi periodi le famiglie sono sempre molto stressate.
  • Per la prima volta in Alto Adige: “Fra uomini” – l’ASAA offre regolarmente consulenza agli uomini che si sentono sopraffatti nell’assistenza domiciliari alle mogli, affette da demenza o ad altri parenti attraverso 2 volontarie, specializzate in campo.

Tutti i dettagli sui servizi di assistenza, la maggior parte dei quali sono gratuiti, sono disponibili sul sito info@asaa.it o chiamando il numero verde 800660561 tutti i giorni, compresi i fine settimana.

Parte il corso per badanti con l’Associazione Alzheimer

La cataratta, se non trattata in tempo, è fra le più importanti cause di cecità al mondo.

Assegno di cura, un anno di attesa

Ogni giorno affrontiamo casi di chi non ha i soldi per la badante

Una storia natalizia speciale

Generosa donazione all'associazione da parte di Tina Testa

I nostri sponsor