Da soli è estremamente difficile farcela

Recentemente c’è stato un incontro toccante tra me e una straordinaria coppia di Bolzano

Im Bild von links nach rechts: ASAA Präsident Ulrich Seitz, das Unterstützer-Paar Antonietta Testa und Riccardo Perotti, Krankenpfleger Stefano Mascheroni

Im Bild von links nach rechts: ASAA Präsident Ulrich Seitz, das Unterstützer-Paar Antonietta Testa und Riccardo Perotti, Krankenpfleger Stefano Mascheroni

“Recentemente c’è stato un incontro toccante tra me e una straordinaria coppia di Bolzano”, riferisce il presidente dell’Associazione Alzheimer Alto Adige, Ulrich Seitz. Racconta dell’incontro con Antonietta Testa e suo marito Riccardo Perotti. Attraverso la mediazione di un conoscente comune, l’infermiere Stefano Mascheroni, i due avevano deciso, secondo Ulrich Seitz, di donare una somma di denaro pari a 3.000 euro per il sostegno dei malati di demenza e dei loro familiari. Un’azione del genere è di enorme importanza, soprattutto in tempi come questi, in cui molti servizi pubblici sono stati ridotti per motivi di Corona, sottolinea Seitz.

Per le persone con demenza, i loro parenti e gli assistenti, questa fase di cambiamento è sconvolgente. Il pericolo che i parenti superino di gran lunga i limiti della loro resilienza è particolarmente grande con la demenza. Questo è diventato di nuovo molto evidente durante questi giorni di Natale, sottolinea Seitz.  Perché i cambiamenti innescati dalla demenza di Alzheimer riguardano tutti i settori della vita. Questo porta spesso i parenti a mettere in secondo piano i propri bisogni. Questo sacrificio di solito si traduce in un sovraccarico mentale e fisico per il parente che si prende cura, che sempre di più porta all’esaurimento totale e alla rassegnazione.

Ci stiamo battendo in tutto il paese affinché, per esempio, i servizi di ricovero a tempo parziale diventino lo standard per i parenti che lavorano come un sollievo indispensabile nel processo di cura. Oltre alle strutture diurne, abbiamo bisogno in futuro anche di strutture che possano fornire assistenza notturna per il bisogno sempre crescente in Alto Adige. Gli sviluppi degli ultimi 20 mesi ci mostrano che abbiamo una massiccia domanda di fabbisogno arretrata. Ulrich Seitz, tuttavia, vorrebbe portare alla ribalta anche un altro argomento. Gli anziani, soprattutto le persone sole con malattie croniche, sono sempre più al centro dell’attenzione dei criminali in Alto Adige. Usano vari trucchi per cercare di frodare o rubare ai cittadini anziani. Sono più frequentemente danneggiati da reati contro la proprietà e il patrimonio e sono sovrarappresentati nei furti e nelle frodi. Quando i perpetratori prendono di mira i membri più deboli della società, il loro modello di preda va dalla frode alla porta di casa al trucco del nipote e dalle chiamate shock al telefono o al furto. In tutti i casi, l’età più avanzata della vittima è il fattore decisivo. Debolezze come la demenza, l’ipoacusia, l’insicurezza, la solitudine e la volontà di aiutare sono deliberatamente sfruttate. Le vittime di solito si vergognano e sono arrabbiate, soprattutto con se stesse. Spesso non vogliono nemmeno dirlo ai loro figli“, dice Seitz. Tuttavia, il suo appello è: “Segnala, segnala, segnala”. Chiunque trasmetta una truffa aiuta a proteggere gli altri, l’Associazione Alzheimer Alto Adige ne è certa.

La malattia di Alzheimer porta quasi inevitabilmente a un bisogno di assistenza. “Al più tardi quando le cure di base non sono più possibili da soli, molti parenti chiamano un aiuto professionale”, spiega Ulrich Seitz. Dopo tutto, la cura dei malati di Alzheimer può richiedere molto più di 10 anni. I parenti raggiungono spesso i loro limiti mentali e fisici. Molti lavorano ancora e hanno famiglia o sono già molto vecchi. È quindi ancora più importante distribuire la cura su quante più spalle possibile. Perché la cura non diventa più facile con il progredire della malattia. Seitz: “I parenti dovrebbero approfittare di tutto l’aiuto che possono ottenere.”

Assemblea dei soci 2024

Sarebbe bello darVi il benvenuto, anche in presenza dei nostri illustri esperti!

Notizie dell’Associazione n. 1/2024

1. Notizie dell’Associazione di quest’anno preziosi consigli sul tema “Non perdere di vista i desideri e le richiesta delle persone affette da demenza”

Chi si prende cura dei nostri bisognosi?

L'8 marzo parte il nuovo corso di qualificazione per l’assistenza nei confronti di persone affette da demenza

I nostri sponsor