Notizia di TGR Bolzano del 26.08.2021

Notizia di TGR Bolzano del 26.08.2021

Nel servizio le interviste a Ulrich Seitz, presidente dell’associazione Alzheimer Alto Adige e Ulrike Hofmann, dell’associazione Healing Arts di Simona Peluso

Un’ora e mezza a settimana per stare insieme, liberare la creatività, esprimere emozioni giocando con foto e colori.
L’associazione Healing Arts organizza ogni giovedì una serie di incontri di arte terapia dedicati a chi soffre di Alzheimer, negli spazi del Museion di Bolzano.
Un progetto che era stato pensato per i malati, ma a cui si sono uniti familiari, badanti, personale delle case di riposo.
Un’occasione per confrontarsi, sfogarsi e cercare nuovi stimoli, dopo un anno in cui ogni occasione di socialità è stata abolita.
L’Alzheimer in Alto Adige colpisce 13 mila persone, con 1200 nuovi casi l’anno e pazienti sempre più giovani: il 30% ha meno di 70 anni, solo quest’anno, ci sono state 250 diagnosi sotto i 50.
Le associazioni, per il futuro, sperano di poter offrire sempre più sostegno con l’arte terapia, ai malati e a chi sta loro vicino. Sono in partenza, per le prossime settimane, i primi progetti di musicoterapia.

Dal quotidiano “Corriere dell’Alto Adige” del 1/08/2021

Dal quotidiano “Alto Adige” del 26/07/2021

 

L’estate come inizio per una maggiore creatività

L’Associazione Alzheimer Alto Adige ASAA ha molto in programma per i malati di demenza e le loro famiglie in questi mesi estivi.

Oltre ai classici servizi di consulenza, il telefono amico, gli screenings, il supporto psicologico, il fokus di questo periodo è indirizzato verso l’arteterapia e la musicoterapia, così come la validazione. Con questi servizi di supporto ampliati, vogliamo iniziare dove al momento non succede molto, dice il presidente Ulrich Seitz.

 

Nella foto da sinistra a destra: Rita Mentzel, il presidente dell’ASAA Ulrich Seitz e Ulrike Hofmann.

 

A causa degli effetti della pandemia di Corona, molti servizi di sollievo mancano completamente a livello provinciale. La frustrazione e la delusione delle innumerevoli famiglie del nostro territorio che si stanno sacrificando per curare i loro parenti a casa, da soli o con aiutanti, è enorme, sottolinea Seitz. Qui vogliamo creare opportunità per coloro che sono interessati e assicurare che ai badanti vengano mostrati nuovi modi di prendersi cura.

 

Da sinistra il presidente dell’ASAA Ulrich Seitz e il musicoterapeuta Alvise Cappello

 

Le forme creative di terapia con l’arte e la musica, per esempio, aiutano i malati di demenza a esprimersi meglio, a comunicare e a interagire più efficacemente con l’ambiente. Questo avviene spesso in modo non verbale. Il quadro dipinto o la musica rappresentano un mezzo, per così dire. L’arte e la musica risvegliano ricordi importanti, soprattutto nei malati di Alzheimer, e chi ne è affetto in qualche modo rimane in forma perché avere a che fare con immagini e suoni attiva i processi di pensiero. La musica e la pittura evocano emozioni. Il cosiddetto stato di flusso fa sì che i partecipanti a tali attività, che sono nuove per loro, siano completamente assorbiti dal loro lavoro. Ulrich Seitz riferisce che questo porta a momenti di felicità. Per l’Associazione Alzheimer, è di grande importanza che vengano riscoperte capacità e risorse che si pensava fossero perdute. Anche se dipingere, fare musica o cantare sono spesso lenti all’inizio, con il tempo sorgono impulsi indispensabili con l’aumento dell’autostima. Gli esperti coinvolti dall’associazione ASAA, Alvise Cappello, nel campo della musica, e gli esperti di Healing Arts, un’associazione altoatesina di recente fondazione con esperti arteterapeuti, sono ora disponibili con una gamma adeguata di esercizi facilmente accessibili.

 

da Sinistra: Ulrich Seitz, il grafico di ASAA Wolfgang Töchterle e Alexandra Kaiser, esperta ed insegnante di validazione

 

Attraverso la Validazione, d’altra parte, i badanti imparano ad accettare meglio le persone malate e a riconoscere lo sfondo del comportamento che è “fastidioso” per loro. L’atteggiamento di base empatico e non giudicante insegnato nella validazione è anche utile in molte altre situazioni della vita. È garantito in particolare dalle prime due insegnanti di validazione dell’associazione, Alexandra Kaiser e Anna Fink.

Chiunque voglia saperne di più sulle diverse possibilità può contattare info@asaa.it o chiamare il numero verde 800660561 per informazioni dettagliate.

 

Dal quotidiano “Alto Adige” del 19.07.2021

 

Ancora una volta quest’anno, un grande problema si pone in relazione alla cura delle persone con condizioni mediche speciali che sono assistite a casa. La pandemia di Corona ha distrutto molte cose e non le ha resuscitate, dice Ulrich Seitz, presidente dell’Associazione Alzheimer Alto Adige. I servizi assistenziali al di fuori del domicilio per le persone con demenza e i loro parenti, che erano stati costruiti nel corso degli anni con grande sforzo ed entusiasmo, sono stati abbandonati in molti luoghi nel 2020 e semplicemente non sono più considerati a causa delle preoccupazioni sui possibili rischi di infezione. Da un lato, questo rappresenta una perdita immensa nelle attività del tempo libero delle persone colpite, dall’altro, questa decisione provoca una sorta di capitolazione al virus, e causa ulteriori difficoltà alle famiglie che hanno bisogno di alternative all’assistenza domiciliare, sottolinea Seitz.

L’Associazione Alzheimer dell’Alto Adige ASSA reagisce ora con un progetto lanciato in tempi relativamente brevi in stretta collaborazione con l’associazione di arteterapeuti esperti del nostro paese che trasmettono le loro importanti conoscenze nella struttura organizzativa “Healing Arts”. Seitz descrive questo rapporto con il gruppo, da poco costituito con successo, come particolarmente fortunato.

La ragione è che l’arteterapia aiuta le persone con demenza in particolare ad esprimersi, comunicare e interagire con l’ambiente. Questo avviene spesso in modo non verbale. Il quadro dipinto è più o meno il mezzo. L’arte risveglia i ricordi – indipendentemente dal fatto che i malati di demenza creino la propria arte o guardino le opere degli artisti in un museo.

 

Nella foto da sinistra a destra: Rita Mentzel, il presidente dell’ASAA Ulrich Seitz e Ulrike Hofmann.

 

L’opportunità di essere “artistico” promuove la qualità della vita e il senso di sé. Stati d’animo e sentimenti. In questo spirito, a partire dal 5 agosto 2021 inizierà al “Museion di Bolzano” una serie specifica di incontri appassionanti per persone interessate provenienti da tutte le parti del paese. Ogni giovedì dalle 16.00 alle 17.30, il progetto di “Healing Arts” e “ASAA” offre l’opportunità concreta di osservare con gli arteterapeuti formati quali reazioni vengono alla luce nei motivi e nelle tecniche di pittura nel gruppo target. Ulrike Hofmann e Rita Mentzel, come rappresentanti entusiasti dell’arteterapia, sottolineano quanto segue a questo proposito: “esploriamo materiali e tecniche dell’arteterapia in piccoli gruppi. Oltre all’esperienza dell’arteterapia, i partecipanti al Museion di Bolzano hanno la possibilità di confrontarsi con le opere d’arte del museo e di scambiare idee e comunicazione verbale a questo proposito”.

Le persone curiose possono registrarsi ora su info@asaa.it per questo “progetto diverso in un tempo straordinario” e ricaricare le batterie per la stressante vita quotidiana. Si rivolge a pazienti, persone dell’ambiente familiare, badanti assistenti, ma anche al personale delle istituzioni socio-sanitarie che sentono il desiderio di ricevere strumenti utili per il compito spesso molto impegnativo di assistenza di cura a domicilio.

Siccome gli spazi nel Palazzo Altmann a Gries sono occupati per le postazioni di test, dobbiamo, fino a luglio, offrire un’altra occasione di scambio per il nostro gruppo di auto mutuo aiuto.

Pertanto, per il gruppo in lingua italiana che di solito, nei periodi normali, si trovava il primo lunedì del mese, lo scambio si farà come già sperimentato, sulla piattaforma virtuale zoom.
Con il vantaggio che tutti possono partecipare comodamente da casa, anche chi abita fuori città.

Ovviamente, bisogna avere un contatto internet; in più, serve la prenotazione all’indirizzo dell’ASAA info@asaa.it, per ricevere il codice di accesso.

Quindi, i nostri incontri vanno “in rete” ogni primo lunedì del mese, dalle ore 17 alle 19.

 

È con grande gioia che possiamo condividere questo interessante resoconto di Anna, come lei stessa ci scrive:

“Caro Presidente Ulrich Seitz e Direttivo,
con grande onore allego la relazione relativa al Viaggio dei Laboratori con i familiari di Bolzano. Questo periodo sfidante ha allungato i tempi per l’elaborazione dei dati raccolti attraverso i questionari che sono stati accuratamente dettagliati dalla Felicitatrice e neuropsicologa Maria Rita Di Gioia e tutto il lavoro è stato supervisionato dalla Felicitatrice Giorgina Saccaro e da Letizia Espanoli.

Sarebbe bello se i risultati di questo Viaggio potessero essere condivisi con i familiari e con il Comune che lo ha sostenuto…

Rinnovo la mia gratitudine per avermi affidato questo straordinario percorso che sta proseguendo nei  Sente-Mente® Caffè con tanto interesse da parte del gruppo dei familiari che in questi mesi si è consolidato.

Un abbraccio al team ASAA per tutto ciò che di importante continua a fare accadere.

Anna Gaburri
Educatrice e Felicitatrice del Sente-Mente® Project e Giorni Felici”

 

Scarica qui la Relazione Sente-Mente® Laboratori Bolzano 2020-2021

Dal quotidinao “Alto Adige” dell’11 aprile 2021

Si è svolta ultimamente l’assemblea generale dell’ASAA, come da abitudine ormai in forma virtuale. Come sempre, è il momento di bilancio e di previsione.

Il presidente Ulrich Seitz e la vicepresidente Edith Moroder hanno salutato tanti soci e ospiti, in prima linea l’assessora Waltraud Deeg, che anche questa volta ha sottolineato di voler seguire con attenzione e partecipazione l‘impegno dell’associazione. La situazione attuale è difficile per tutti, specialmente però per i familiari che assistono una persona con demenza. Seitz evidenzia che ci sono circa 850 famiglie coinvolte e quindi esposte a una ulteriore serie di problemi che manifestano telefonando all’ASAA (Numero Verde: 800 660 561). Pertanto, il presidente Seitz chiede ai responsabili della politica, anche a nome del direttivo, di intervenire con urgenza contro gli inaccettabili tempi di attesa per le visite specialistiche e per le visite a domicilio necessarie per la concessione dell’assegno di cura, contro i ritardi nel riconoscimento di invalidità civile, il blocco dell’assunzione temporanea e dei centri diurni nelle case di riposo. Tutte queste restrizioni rendono ancora più serio l’isolamento delle famiglie e aumentano le loro attuali preoccupazioni dovute anche alla perdita del posto di lavoro. L’assessora, scusandosi per i ben noti inconvenienti, ha promesso di fare il possibile per migliorare la situazione.

Il resoconto dell’attività svolta nel 2020, come sempre un punto essenziale dell’ordine del giorno, si è rivelato fitto nonostante le pause imposte. Ogni possibilità per attuare i programmi previsti è stata utilizzata. A partire dai corsi di formazione per le badanti e care-giver familiari, passando per lo screening della demenza affidato agli psicologi che collaborano con ASAA, fino alle consultazioni delle esperte di Sente-Mente sono stati offerti molti servizi per i malati e i familiari impegnati nella cura. Alcuni progetti però sono stati rimandati e saranno ripresi nell’anno in corso. Conferenze e convegni, anche in collaborazione con altre associazioni, si sono svolti su Zoom; anche le riunioni dei gruppi di auto mutuo aiuto che in autunno si sono incontrati di nuovo di persona prima del successivo lockdown. Il sito dell’ASAA, in questo periodo, è stato molto utile come strumento di informazione e di supporto. La pubblicazione di una guida al linguaggio con e sulle persone con la demenza in lingua tedesca, è stata affiancata dalle linee guida al linguaggio da utlizzare con le persone malate in italiano, distribuita dalla Federazione delle Associazioni Alzheimer d’Italia.

Anche il bilancio finanziario e la previsione per l’anno in corso sono sempre attesi con interesse. La contabilità è affidata, come ormai da anni, al tesoriere Helmuth Ohnewein. Un‘associazione che vive delle quote associative, delle donazioni e dei contributi pubblici non può permettersi grandi cose, ma siccome tutti gli attivi sono volontari – che anche nell’anno passato hanno prestato servizi per ben 2.500 ore – l‘associazione riesce a tirar avanti. Soprattutto le condizioni imposte dalla burocrazia sono estremamente difficili da superare. Comunque, ASAA non potrebbe permettersi mai di assumere un‘ aiuto fisso per l’ufficio.

Norbert Bertignoll, presidente della fondazione Griesfeld di Egna, ha presentato nuove informazioni sul progetto „Casa Inge“, il centro di competenza per la demenza a Magrè concepito tanti anni fa dall’allora presidentessa ASAA Inge Bauer Polo. Il progetto, dopo lunghissime discussioni concettuali, è stato ora adattato ai bisogni attuali e sembra essere in dirittura d’arrivo grazie all’interessamento di più partner coinvolti. Si tratta di una struttura in grado di alleviare la situazione delle famiglie impegnate nell’assistenza attraverso assunzioni temporanee di persone malate di demenza che sono in attesa di ricovero definitivo, per persone diversamente abili e con problemi psichici sotto i 65 anni; inoltre si pensa di offrire un centro diurno funzionante tutto l’anno, completo di servizio di trasporto gratuito. Per i familiari è previsto inoltre la possibilità di trascorrere qualche giorno di vacanza insieme ai loro cari. La collaborazione dell‘ASAA è richiesta per la sua competenza acquisita durante tutti questi anni al servizio delle famiglie curacari. La pianificazione dovrebbe essere conclusa durante l’anno in corso. Per l’anno 2022 si prevede la realizzazione dell’edificio e l’inizio dei servizi per il 2023.
Michael Savelli, rappresentante dell’associazione „Arche“ (KVW) ha relazionato sulla qualità di vita a domicilio, mettendo in evdenza che Arche offre consulenze con sopralluogo gratuito. Gli esperti dell’associazione possono dare consigli sull‘adattamento pratico alle necessità delle persone anziane senza dover affrontare grandi spese. L’architetto Loris Alberghini, l’esperto ASAA sull’argomento, ha aggiunto che anche gli ausili tecnologici si evolvono, rendendo sempre più facile e più funzionale la gestione dei rischi da minimizzare.

(ehm)

dal quotidiano “Alto Adige” del 30/03/2021

La pandemia ha acuito le sofferenze. Incontri su Zoom per consentire a tanti di partecipare da casa.

 

Leggi anche su Facebook

 

Un’offerta di scambio contro l’isolamento

 

Dal quotidiano “Alto Adige” del 30/03/2021, nella foto: una riunione del direttivo ASAA che si è tenuta tempo fa (EHM)

Molti familiari che assistono persone malate di demenza si sentono isolati e abbandonati. Tutti i problemi, in questo modo, si fanno ancora più gravosi.

Le visite di controllo sono sospese e/o rimandate, le visite difficili, se non impossibili, anche i contatti con amici e parenti non sono facili da organizzare. Sulla base delle tante lamentele che gli arrivano al numero verde dell‘ASAA da parte di familiari impegnati nella cura, il presidente Seitz osserva: „La mancanza di servizi di assistenza diurna e di assunzione, anche solo temporanea nelle case di riposo diventa sempre più pesante per circa 8.000 famiglie nel nostro territorio. Quindi, c’è urgente bisogno di intervenire.“ Esiste comunque il vantaggio degli ausili tecnologici che offrono occasioni di scambio – anche se non riescono mai a sostituire il contatto personale.

In questi tempi difficili, le coordinatrici dell’associazione Alzheimer Südtirol Alto Adige ASAA pensano di offrire un’occasione di scambio per il gruppo di auto mutuo aiuto. Una prima prova ha già avuto un discreto successo; ora, per qualche periodo, probabilmente fino all’estate, si ripeterà l’occasione per il gruppo di lingua italiana che di solito, nei periodi normali, si trovava il primo lunedì del mese: ora sul formato virtuale zoom. Con il vantaggio che tutti possono partecipare comodamente da casa, anche chi abita fuori città. Ovviamente, bisogna avere un contatto internet; in più, serve la prenotazione all’indirizzo dell’ASAA info@asaa.it, per ricevere il codice di accesso.

Il prossimo incontro va “in rete” eccezionalmente il martedì dopo Pasqua, 6 aprile, dalle ore 17,00 alle 19,00. Sarebbe bello poter riannodare il contatto con i nostri soci almeno in questo modo! (ehm)
Nella foto: Una riunione del direttivo ASAA che si è tenuta tempo fa (EHM)